Sogno Di Potere

Questa carriera m'ha già reso re ma senza bandiera

La banda tira l'acqua al suo mulino, sembra Banderas

Tutti mi vogliono risolutivo, ed è una tragedia

Perché io sono come un ladro a Brico, "Frega una se..."

Freddo il mio corpo, voce che strilla mi sento in galera

Metto il mio volto sulla mia spilla, "Free Nelson Mandela"

Io vedo me come ammutolito, sepolto in catena

Se fossi re sarei Ludovico II in Baviera

Come lui me ne sto nel castello in ciabatte

A sentire il bordello che fa Richard Wagner

Se mi dicono il popolo intero c'ha fame

Rispondo: "Mi spiace, per lo meno c'ha l'arte"

Vorrei solo una vita serena, minchia

Tutti mi chiedono di avere polso ma sono Serena Williams

Da questa finestra ho la valle innevata è una meraviglia

E' un mondo reale ma qui di reale c'è solo la mia famiglia

Via

Sogno di potere, di potere andare via

Sogno di potere, di potere andare via

Vai via, Eins Zwei Drei Vier

Sai che faccio

Adesso carico la slitta, la slitta

Oggi ho un incarico ma slitta, ma slitta via

Vai via, Eins Zwei Drei Vier

 

Sulle pareti quadri con i miei ritratti sovrani

I consiglieri bravi solo coi ricatti morali

Mi mettono parole in bocca come impianti molari

Ripetono la filastrocca come Gianni Rodari

Ognuno ha smania di comando, punta al piano, alto

E si allena con il bracco "Cuccia! Bravo! Argo!"

Pur di essere incensato brucia, palo santo

Io ci apro le lampo col tuo anello, caro Sauron

Tutti scalpitano come stare all'ippodromo

Io non voglio il mantello ma un abito comodo

No che non mi ci vedo nel ruolo di Commodo

Spero sia l'ultimo come quel gioco di ruolo del Commodore

Quanti esseri umani su sto crocevia?

Vorrebbero dire: "Raga su le mani" con la voce mia

Il muletto comanda la periferia

 

Ma lo trapassano come un foglietto, comanda della pizzeria

 

Via

Sogno di potere, di potere andare via

Sogno di potere, di potere andare via

Vai via, Eins Zwei Drei Vier

Sai che faccio

 

Adesso carico la slitta, la slitta

 

Oggi ho un incarico ma slitta, ma slitta via

Vai via, Eins Zwei Drei Vier

 

Io mi comporto come il Papa al comando, dico:

"La chiesa andrebbe cambiata", come il Papa fosse un altro

Hai capito?

Boicotto la cerimonia, rinuncio al rito

Conquisterò la Polonia con un sorriso

Poco adatto a governare come Ludwig Der Zweite

Non mi cambierai nemmeno a pugni e testate

Ho il pane sul tavolo per le scurie e le spade

Rouhani, col cavolo copro i nudi alle statue!

Non ho ambizioni da sire

Non sono stile

Da piccolo non facevo il gradasso sulle giostrine

E quando ho voglia di guardare le stelle alzo gli occhi al cielo

Non li abbasso sulle mostrine

Writer(s): MICHELE SALVEMINI

Sogno Di Potere Lyrics powered by musixmatch

Stampa il testo
Artisti A-Z