Crazy Boy

Crazy Boy oggi fa la mummia

gira attorno alla sua colonna

nel palazzo del museo

 

Sono figlio di un egiziano

muratore e un po' faraone

che si chiama scarabeo.

 

Le pozzanghere e le nuvole vanno via col sole

Crazy Boy resiste fuori, fermo non si muove

aspetta immobile gli sbadigli e il sonno del custode

finalmente è fatta e lui si infila nel portone e sale...

 

Crazy Boy come prima mossa

si presenta a una grande statua

che gli chiede "dove vai?"

 

Vado dritto per questa strada

così finta e dimenticata

vado dove sono i miei

 

Le pozzanghere e le nuvole sono di cartone

i palazzi con la luna sopra sono un' illusione

 

e intanto è notte

si anneriscono tutti i corridoi

ma c'è una stella accesa

solo per Crazy Boy.

 

Crazy Boy nello spazio greco

crede di essere in un presepio

di giganti muse e dei

tutte in fila messe dietro un vetro

ci sono maschere di ogni tipo

neri, bianchi e tu chi sei

 

le pozzanghere e le nuvole corrono verso il mare

Crazy Boy ha ancora molti, troppi vetri da lavare

e in mezzo al traffico

salta in piedi sul suo straccio per volare

su quella stella accesa

stella di Crazy Boy.

Writer(s): Samuele Bersani, Piero Fabrizi Copyright: Warner Chappell Music Italiana S.r.l., Pressing Line Ed. Mus S.r.l., BMG Rights Management Italy S.r.l., Pressing Line S.r.l.

Lyrics powered by musixmatch

Stampa il testo
Artisti A-Z