Il Barbiere di Siviglia: Largo al factotum

Di Cataldo Massimo

Crescendo

Cosa Rimane Di Noi

Si che di tempo ne è passato

noi due seduti tra gli ulivi

e i nostri giochi di bambini

io non ho mai dimenticato

i nostri sogni e le paure

ed il coraggio di esser vivi

e ritrovare negli occhi una nuova promessa

per non cadere nel buio di un amara incertezza

la vita è fatta di strade ma la strada da fare qual'è

lo sò è difficile ci si può perdere

noi avevamo dei progetti

tutta una serie di ideali

noi due diversi eppure uguali

tu le teorie sui miei difetti

e quella voglia di cambiare

l'adolescenza può far male

cosa rimane ad un tratto della nostra amicizia

non è la fine di un viaggio solo il vuoto che inizia

ci siamo persi in un attimo e già siamo distanti io e te

è stato facile bastava scegliere

cosa rimane di noi

dei miei silenzi nei tuoi

basta un minuto per dire ormai

cosa faremo di noi

non è cambiato niente e sono ancora qui

ad aspettare un che differente

a dire ancora si

cosa rimane ad un tratto delle nostre promesse

se l'esperienza c'ha dato solamente incertezze

ci siamo persi da tempo ma non siamo distanti io e te

non è difficile bisogna crescere

 

cosa rimane di noi

dei miei silenzi nei tuoi

basta un minuto per dire ormai

cosa faremo di noi

non è cambiato niente e sono ancora qui

ad aspettare un che differente

a dire ancora si

non è cambiato niente sono solo qui

ad aspettare che finalmente

la vita dica si

Writer(s): Marcel Ege, Gioacchino Antonio Rossini, Michael Winkler, Gioacchino Rossini, David Sautter, Martin Pirktel Copyright: Supraphon Schallplatten Und Musikverlag, GEMA, Koka Media

Lyrics powered by musixmatch

Stampa il testo
Artisti A-Z